skip to Main Content

Donare agli altri, per donare a te stesso.

Sono Massimiliano Sechi, Presidente dell’”Associazione Josué Vive” ONLUS.

La mia disabilità si chiama focomelìa e da quando sono nato è stata il mio peggior nemico quanto il mio più grande alleato.

Nascere con questa condizione fisica ti condiziona sicuramente la vita ma una delle lezioni più grandi che ho imparato crescendo, è che a fare davvero la differenza non è tanto ciò che ci accade quanto il nostro modo di reagire a quelle situazioni.

Ovviamente la mia vita e quella dei miei parenti non è stata facile, quando ero piccolo non si poteva sapere come sarei cresciuto, cosa sarei stato in grado di fare e se sarei stato in grado di integrarmi nella società o avere semplicemente una vita normale.

Queste paure mi hanno condizionato tantissimo, al punto di rincorrere grandi obiettivi per sentirmi più accettato e poter dimostrare di valere quanto gli altri.

Nonostante io sia riuscito ad essere pienamente indipendente, per i miei genitori non è comunque stato facile affrontare la mia situazione e quando avevo 14 anni si sono separati. È stata una brutta separazione, molto sofferta. Ovviamente, in parte e seppur non avessi fatto niente che fosse sotto il mio controllo, io mi sono dato molte volte la colpa di quella separazione ma soprattutto del loro crollo emotivo.

Tutta quella sofferenza mi ha fatto crescere con l’ossessione di vedere le persone felici ed aiutarle a superare le difficoltà. Oggi, per me, questa è molto più di un riscatto personale e sociale: è una Missione.

Da diversi anni aiuto migliaia di persone dal punto di vista personale e professionale ma non posso dimenticare la strada che mi ha portato ad essere quello che sono. Ecco perchè nel 2015 ho fondato l’Associazione Massimiliano Sechi.

L’Associazione Massimiliano Sechi è la mia risposta alla disabilità. Nasce dalla consapevolezza delle difficoltà che un disabile, la sua famiglia e l’ambiente che lo circonda debbano affrontare, sopportare e superare per avere una vita dignitosa. L’Associazione Massimiliano Sechi racchiude una delle lezioni più importanti che io abbia imparato: siamo tutti diversi, ed è ciò che ci rende diversi a renderci speciali.

Il 4 Marzo 2018, il mio primo figlio Josué è nato privo di vita… si parla di iperspiralizzazione del cordone.

In suo onore ho deciso di rinominare la Onlus in “Associazione Josué Vive”, perché se anche lui non è con noi fisicamente io credo che non sia la durata del nostro percorso su questa Terra a fare la differenza ma l’impatto che abbiamo nella vita degli altri.

Josué ha avuto un grande impatto nella nostra vita ed ora, io e la sua mamma, siamo ancora più determinati a voler far sì che migliaia di bambini, a prescindere dalla loro condizione fisica e cognitiva, dal loro colore della pelle o dal proprio credo religioso, possano vivere più consapevoli e felici.

Da ora in poi, oltre che nel nostro cuore, Josué Vive nei sorrisi delle famiglie che supporteremo insieme.

Anche grazie al tuo supporto, l’”Associazione Josué Vive” da l’aiuto che ho sognato nei miei momenti più difficili, è il desiderio di tante persone che hanno bisogno di supporto, che oggi diventa realtà. Una realtà della quale tutti dovremmo far parte, perché la differenza si fa INSIEME. E senza scuse.

PROGETTO SCUOLA

La finalità del progetto è quella di offrire, a bambini ed insegnanti, degli strumenti che possano aiutarli concretamente a vivere in modo più sereno la permanenza a scuola, favorendo un clima positivo che miri all’integrazione del gruppo classe anche e soprattutto in quei casi in cui vi sono degli alunni in situazione di disagio. I bambini di oggi, la cui energia naturale si esprime principalmente attraverso il movimento, la risata ed il gioco, durante le ore scolastiche sono obbligati a stare seduti ed a concentrarsi per periodi troppo lunghi rispetto alla capacità comprovata dagli studi internazionali più recenti in questo ambito.

Questo carico scolastico è spesso causa di stress, aggravato anche dal fatto che a scuola si venga valutati per tutto e vengano sempre più a mancare degli spazi dove potersi sperimentare liberamente. Il progetto Ridere Senza Scuse nasce quindi per rispondere a questo bisogno urgente da parte dei bambini di muoversi, giocare e ridere, per offrire agli insegnanti altre modalità di intervento da inserire nella loro cassetta degli attrezzi

La nostra attività nelle classi comprende:
  • Esercizi di respirazione profonde abbinati alla Risata incondizionata.
  • Giochi per facilitare l’inserimento nel gruppo anche dei più introversi.
  • Movimento, per lavorare sulla consapevolezza del proprio corpo come strumento di conoscenza di sè e degli altri, il tutto in una dimensione ludica.
  • Rilassamento per imparare a stare nel qui ed ora, riducendo il livello di stress ed accrescendo la capacità di elaborare le emozioni.
  • Monitoraggio e verifica degli obiettivi fissati
SUPPORTA IL PROGETTO
La nostra attività nelle comunità comprende:
  • Sessioni di condivisione in gruppo
  • Esercizi di respirazione profonda abbinati alla Risata Incondizionata
  • Meditazioni guidate
  • Lavoro introspettivo attraverso esercizi scritti di Life Coaching
  • Sessioni individuali di Coaching one to one
  • Monitoraggio e verifica degli obiettivi fissati
SUPPORTA IL PROGETTO
PROGETTO comunità

La finalità del progetto è quella di aiutare i ragazzi a dare un senso a ciò che stanno vivendo, non solo per i traumi che si trascinano dalla loro famiglia, ma anche per le inibizioni e le barriere tipiche di questa età. Attraverso il Coaching, la Meditazione e la Risata incondizionata, forniamo degli strumenti validi che permettono di lavorare su tutti i livelli: fisico, mentale e spirituale. Il modo migliore per aiutare i ragazzi che vivono queste situazioni, è guidarli alla scoperta del proprio potenziale, della propria unicità e dei propri talenti, così che possano trovare la strada più affine a chi che sono veramente.

ACQUISTA LA MAGLIETTA NO EXCUSES PER SOSTENERE QUESTI PROGETTI

Avete presente Superman?

Lui aveva la S, noi la scritta NOEXCUSES.
Io metto questa maglietta perchè mi ricorda la promessa che mi sono fatto nel momento più difficile della mia vita: a prescindere dalla situazione che dovrò affrontare, sarò sempre me stesso e non permetterò che qualcuno o qualcosa mi allontani dalla felicità che tutti meritiamo.

Tu per quale motivo la vuoi avere?

Scatta una foto mentre la indossi e scrivici cosa rappresenta per te, usando l’hashtag #TeamNienteScuse !

ANCHE IO VOGLIO LA MAGLIETTA NOEXCUSES!
Back To Top